Template Joomla scaricato da Joomlashow

Home Relazioni A.L. e Mondo Ingerenze Straniere Guerra economica: Euroclear blocca fondi venezuelani per l'acquisto di alimenti e medicinali

Guerra economica: Euroclear blocca fondi venezuelani per l'acquisto di alimenti e medicinali

PDF
Stampa
E-mail

All'inizio di novembre, il vicepresidente della Repubblica, Tareck El Aissami, denuncia il blocco di 1,2 miliardi di dollari in obbligazioni per il pagamento di medicinali e cibo per i venezuelani da parte dell'operatore internazionale Euroclear

di Fabrizio Verde

All'inizio di novembre, il vicepresidente della Repubblica, Tareck El Aissami, denuncia il blocco di 1,2 miliardi di dollari in obbligazioni per il pagamento di medicinali e cibo per i venezuelani da parte dell'operatore internazionale Euroclear, una società finanziaria che in altre occasioni ha agito come intermediario nelle transazioni obbligazionarie del paese sudamericano.

Si tratta di un capitolo dello spietato assedio economico imbastito dagli Stati Uniti contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela. L’obiettivo palese di Washington è quello di soffocare Caracas. Un tentativo fino a questo momento naufragato grazie alla strategia adottata dal Venezuela di concerto con i suoi alleati internazionali Cina e Russia.

Tre settimane dopo l’atto arbitrario di Euroclear viene denunciato dal presidente Maduro che segnala come la società finanziaria abbia letteralmente sequestrato i fondi del paese latinoamericano. «Abbiamo 450 milioni di dollari per l’acquisto di medicinali, materiali da costruzione, alimenti e sono stati congelati da sei settimane da Euroclear, solo per castigare il Venezuela», questa la denuncia di Nicolas Maduro. 

Cos'è Euroclear?

Il portale d’inchiesta Mision Verdad ci spiega nel dettaglio cos’è Euroclear: «Euroclear controlla, insieme a Clearstream, quasi il 100% del sistema finanziario globale di clearing o ‘compensazione internazionale’. Si tratta di un sistema di pagamento e consegna completamente automatizzato che consente di scambiare titoli, obbligazioni e denaro da un luogo all'altro sul pianeta e in tempo reale.

Le società di clearing pubblicano in toto l'elenco delle loro operazioni, sono considerate perfettamente trasparenti a seguito di un accordo tra banche che è conforme alle legislazioni bancarie nazionali. Questo sistema di compensazione svolge un ruolo importante nella finanza internazionale ed è un passo inevitabile nella raccolta di fondi per compensare i pagamenti e le grandi transazioni.

La pubblicazione dei conti non mostra l'origine dei fondi trasferiti, sia che si tratti di denaro "lecito", "anonimo" o denaro sporco, il prodotto di frodi o evasione fiscale, o di corruzione e / o traffico di influenze. Nel 2009 hanno attraversato il sistema di trasferimento circa 130 trilioni di euro, secondo quanto afferma il giornalista Denis Robert.

Legalmente, è una società di servizi finanziari con sede a Bruxelles, ma ha sezioni in molti importanti centri finanziari come Parigi, Amsterdam, Londra, Stoccolma e Helsinki. È stata fondata nel 1968 dalla banca d'investimento JP Morgan. La manipolazione del rischio paese contro il Venezuela e i permanenti "avvertimenti"  sul default costituiscono alcune delle armi utilizzate nella guerra finanziaria, che vedono precisamente in JP Morgan un attore protagonista.

Fornisce servizi multipli in diverse parti del mondo, in particolare nei paradisi fiscali, e la sua complessa struttura comprende una banca, la Euroclear Bank, i cui servizi sono la base del suo modello di business.

È anche strettamente collegata alla camera di compensazione dei pagamenti LCH.Clearnet».

Euroclear nello scacchiere geopolitico

Sempre Mision Verdad ci racconta il ruolo dell’agente finanziario nel controllo geopolitico globale: «Il ruolo di depositario di titoli, noto come Central Securities Custody o CSD, è fondamentale nel ruolo svolto da Euroclear per il controllo esercitato dal capitalismo finanziario sull'economia mondiale, ha clienti da tutto il mondo ed è il luogo in cui il titoli (azioni, obbligazioni e altri derivati) che rappresentano attività finanziarie. Nel caso dell'Europa, detiene oltre il 60% degli Eurobond, oltre il 50% dei titoli di debito interni europei e oltre il 55% del capitale della borsa europea.

Registra inoltre i cambiamenti di proprietà dei titoli ed esegue il lavoro di compensazione, cioè la consegna delle attività in cambio di denaro. Ha avuto a che fare con fondi depositati da attori politici che hanno indebitato paesi come l'Ecuador e ricevuto ordini dal giudice Griesa nel caso dei fondi avvoltoio contro l'Argentina.

Euroclear è una piattaforma che consente di mantenere strumenti di mercato mobiliari come le obbligazioni (gestite come se fossero liquidità) in subaccount come se fossero conti bancari, quando cambiano i proprietari vengono trasferiti da sottoconto a sottoconto, come trasferimento. Per vendere qualsiasi bond della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Europa, deve essere registrato in Euroclear, altrimenti, non può essere trasferito dalla custodia venezuelana a una custodia in Europa».

Gli USA dietro Euroclear

Il governo venezuelano ha denunciato che Euroclear agisce su ordine del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti: «Il Dipartimento del Tesoro dell’amministrazione di Donald Trump ha ordinato a queste istituzioni, che formano parte della dittatura del sistema capitalista mondiale, di trovare il modo di affogare il Venezuela», ha denunciato il ministro per la Comunicazione e l’Informazione Jorge Rodriguez. 

L’esponente del governo venezuelano ha spiegato che queste istituzioni finanziarie sono necessarie affinché il Venezuela possa realizzare operazioni internazionali in ambito internazionale. Attraverso questa società il governo bolivariano effettua transazioni intorno ai titoli di proprietà di Petróleos de Venezuela (PDVSA), mentre altre istituzioni nazionali la utilizzano per acquistare medicinali e cibo, operazioni che Euroclear rifiuta di effettuare.

Il ministro ha spiegato che queste azioni rispondono inoltre alla campagna lanciata da leader dell'opposizione come Julio Borges, il presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana afferente al partito Primero Justicia, che ha chiesto a governi e istituzioni finanziarie in Europa di bloccare finanziariamente il Venezuela.

Notizia del: 28/11/2017

Da: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-guerra_economica_euroclear_blocca_fondi_venezuelani_per_lacquisto_di_alimenti_e_medicinali/5694_22294/

 
Copyright © 2017 Comitato Bolivariano La Madrugada - Firenze. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.