Template Joomla scaricato da Joomlashow

Home
Prima Pagina - Info Venezuela Bolivariana

Venezuela: Reuters ammette violenza dell'opposizione

PDF
Stampa
E-mail

I corrispondenti dell'agenzia internazionale raccontano le violenze organizzate dall'opposizione venezuelana

I fatti hanno la testa dura. Una menzogna non può essere reiterata per troppo tempo senza correre il rischio di venire smentiti, così il circuito mediatico mainstream dopo aver per giorni narrato la storia della democratica opposizione venezuelana brutalmente repressa dal regime socialista di Maduro, si vede costretto a rettificare la storia, perché dall’evidenza dei fatti emerge il contrario. 

Le manifestazioni dell’opposizione sono permeate dalla violenza. Una violenza brutale volta a spargere terrore e morte per costringere il legittimo governo a dimettersi. I corrispondenti dell’agenzia Reuters raccontano che in occasione di una protesta di questa settimana, alcuni manifestanti hanno bloccato un’autostrada con detriti e spazzatura, appiccando incendi e piazzando le famigerate guayas. Dopodiché hanno saccheggiato un magazzino governativo, bruciato due camion e rapinato il team medico di un’ambulanza. 

QUI PER LEGGERE TUTTO IL RESOCONTO DI  Brian Ellsworth da CARACAS

 

Il Venezuela non è un pranzo di gala

PDF
Stampa
E-mail

Posted on aprile 28, 2017

di Marco Consolo

Lo scrittore uruguayano, Eduardo Galeano, lo chiamava il mondo al rovescio. E di questo si tratta. La rappresentazione mediatica del Venezuela bolivariano è un manuale della guerra asimmetrica e di terrorismo, armato e psicologico. La narrativa internazionale dominante parla di una feroce dittatura, di un governo che imbavaglia i media, che reprime a destra e a manca e provoca morti, che affama la popolazione ed è responsabile della scarsezza dei beni di prima necessità e medicinali, che opprime e di cui bisogna liberarsi al più presto.

È il mondo al rovescio, appunto.

 

QUANTI MORTI SONO ANCORA NECESSARI IN VENEZUELA?

PDF
Stampa
E-mail

di Marco Teruggi

28 morti e 437 feriti è il bilancio delle vittime - in meno di un mese - degli scontri che stanno avendo luogo in Venezuela.

Se a questo numero si aggiungono le 43 persone uccise durante le “guarimbas” [rivolte e barricate colpose condotte per le vie delle città] nel corso del 2014 e i morti dell’11 aprile 2013, questo raggiunge il numero impressionante di 82 vittime. “Nessun braccio di ferro si risolve tagliando il braccio dell'avversario”, scrive lo psicoanalista Alfredo Grande, a meno che non esista un vero e proprio “piano di sterminio”. Qual è dunque il piano previsto dalla destra politica venezuelana?

Questi 82 casi sono quelli registrati tra gli episodi di violenza di strada provocati dai dirigenti della destra venezuelana negli ultimi quattro anni.

A ciò non abbiamo aggiunto il numero dei dirigenti politici “chavisti” uccisi nelle loro case, per le strade, nei territori durante la loro vita quotidiana.

 

Cuba ratifica fermamente l’impegno d’accompagnare il Venezuela

PDF
Stampa
E-mail

Dichiarazione del Ministero delle Relazioni Estere di Cuba

Autore: MINREX | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 28 aprile 2017

Siamo stati testimoni ancora una volta di una decisione infame e immorale della discreditata OSA contro la Rivoluzione Bolivariana, che ripresenta vergognose pagine già scritte contro la Rivoluzione Cubana nel decennio degli anni ’60 del secolo scorso.

La convocazione di una riunione di consultazione dei ministri delle Relazioni pubbliche per continuare a flagellare il Governo bolivariano, è un’altra azione coerente con il tradizionale ruolo di questa organizzazione come strumento di dominio imperialista nell’emisfero, con il fine d’incrinare la sovranità, l’indipendenza a la dignità di Nuestra America.

 

Il Venezuela rompe con l'OSA, Maduro: «Almagro vergogna dell'America Latina»

PDF
Stampa
E-mail

Maduro ha ricordato che nelle ultime settimane sono state violate numerose norme interne dell’organizzazione e prese decisioni fraudolente

«Hanno rotto ogni schema di convivenza (…) con un segretario Generale manovrato, svergognato, che è al servizio della politica imperiale come nessun Segretario Generale in 70 anni di esistenza dell’OSA; Luis Almagro è la vergogna dell’America Latina», questo è quanto dichiarato dal presidente venezuelano Maduro, dal palazzo Miraflores, dove ha ricevuto una mobilitazione delle donne in difesa della pace nella nazione sudamericana. 

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela ha inoltre denunciato che in seno all’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) l’intolleranza ideologica si è imposta sulla diplomazia. Una situazione intollerabile per un organismo regionale.

 


Pagina 1 di 3

Chi è Online

We have 19 guests online

Aporrea

Asamblea Popular Revolucionaria
Banner

Facebook

La Madrugada - Comitato Bolivariano Firenze
Banner
Copyright © 2017 Comitato Bolivariano La Madrugada - Firenze. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.